DETRAZIONI FISCALI

 
 

Ecobonus 2015: prorogate le agevolazioni fino al 31/12/2015
L’articolo 8 della Legge di Stabilità 2015 ha previsto la conferma per un altro anno delle agevolazioni per gli interventi di riqualificazione energetica e ristrutturazione edilizia che continueranno ad essere detratte rispettivamente nella misura del 65% e 50% per tutto il 2015.

L’agevolazione per il risparmio energetico consiste in detrazioni dall’Irpef o dall’Ires ed è concessa quando si eseguono interventi che aumentano il livello di efficienza energetica degli edifici esistenti, anche sulle parti comuni degli edifici condominiali, in particolare:

  • la riduzione del fabbisogno energetico per il riscaldamento
  • il miglioramento termico dell’edificio (coibentazioni – pavimenti – finestre comprensive di infissi)
  • l’installazione di pannelli solari
  • la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale.
  • l’acquisto e la posa in opera delle schermature solari indicate nell’allegato M del decreto legislativo n. 311/2006, fino a un valore massimo della detrazione di 60.000 euro
  • l’acquisto e la posa in opera di impianti di climatizzazione invernale dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili, fino a un valore massimo della detrazione di 30.000 euro.
  • Le spese per gli interventi antisismici e di messa in sicurezza statica, valida per interventi su edifici ricadenti in zone sismiche ad alta pericolosità (classificate con i numeri 1 e 2 dall’ordinanza PdCM 3274/2003).

L’agevolazione per gli interventi di ristrutturazione edilizia consiste in detrazioni dall’Irpef ed è concessa quando si eseguono interventi per ristrutturare le abitazioni e le parti comuni degli edifici residenziali, in particolare:
Interventi di manutenzione ordinaria, manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia

  • Interventi per la ricostruzione o ripristino dell’immobile danneggiato a seguito di eventi calamitosi
  • Interventi relativi alla realizzazioni di autorimesse o posti auto pertinenziali anche di proprietà comune
  • Interventi per l’eliminazione di barriere architettoniche aventi a oggetto ascensori e montacarichi
  • Alla realizzazione di ogni strumento che attraverso tecnologie avanzate sia idoneo a favorire la mobilità interna ed esterna all’abitazione per le persone portatrici di handicap gravi
  • Interventi relativi all’adozione di misure finalizzate a prevenire il rischio del compimento di atti illeciti da parte di terzi.
  • Gli interventi finalizzati alla cablatura degli edifici e al contenimento dell’inquinamento acustico
  • Gli interventi effettuati per il conseguimento di risparmi energetici
  • Gli interventi per l’adozione di misure antisismiche
  • Gli interventi di bonifica dall’amianto e di esecuzione di opere volte a evitare gli infortuni domestici.
    Entrambe le detrazioni sono da ripartire in dieci rate annuali di pari importo e a partire dal 1° gennaio 2016, salvo ulteriori proroghe, saranno sostituite con l’agevolazione ordinaria al 36%